L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) ha deciso di avviare procedimenti sanzionatori nei confronti degli operatori telefonici Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb per il mancato rispetto delle disposizioni relative alla cadenza delle fatturazioni e dei rinnovi delle offerte di comunicazioni elettroniche.

Dopo che alcuni operatori telefonici hanno introdotto la fatturazione ogni 28 giorni (4 settimane) per le loro offerte di telefonia mobile e successivamente anche di rete fissa, l’Autorità ha deciso di procedere contro gli operatori citati al fine rispettassero le norme contenute nella delibera 121/17/CONS, la quale sancisce che:

Per la telefonia fissa la cadenza di rinnovo delle offerte e della fatturazione deve essere su base mensile o suoi multipli. Per la telefonia mobile la cadenza non può essere inferiore a quattro settimane. In caso di offerte convergenti con la telefonia fissa, prevale la cadenza relativa a quest’ultima.

 

Tali variazioni di fatturazione hanno comportato un aumento sostanziale di circa l’8% (di fatto un canone in più all’anno) sulle tariffe degli operatori che l’hanno adottata, ma secondo quando prevede la delibera tale variazione non può essere applicata per la telefonia fissa.

SEN in questi mesi ha invece mantenuto invariato il proprio ciclo di fatturazione sia per le soluzioni di telefonia fissa (SEN.Voce, SEN.VoIP), di accesso Internet (SEN.Net) e anche di telefonia mobile (SEN-NV Mobile), aggiungendo viceversa nuovi servizi alle soluzioni in essere e rendendole ancora più competitive sul mercato non solo dal punto di vista economico.

 

Published On: Settembre 15th, 2017 / by / Categorie: News / tag = , , , , /

Iscriviti per ricevere le ultime News

Ricevi gratuitamente la nostra Newsletter mensile