Si parla molto di Big data, Industria IoT, Smart Home, Smart City, Smart Car, Cloud.

Tutto questo se non fosse per la diffusione della fibra ottica non sarebbe possibile. Si perché è grazie allo sviluppo della connettività sempre più veloce che siamo tutti connessi e capaci di raccogliere un enorme quantità di dati.

Dal 1986, quando per la prima volta l’Italia si connette a Internet, la tecnologia ha fatto grossi passi avanti.

Infatti, se a fine 2014 AGCOM ha registrato un numero di accessi alla rete fissa in rame pari al 94%, nel 2018, invece, gli accessi alla rete in rame sono scesi al 58%.

Negli ultimi 4 anni sono diminuiti gli accessi in rame ma sono aumentati gli accessi da altre tecnologie qualitativamente migliori e più veloci:

  • La copertura in fibra-rame (FTTC) è aumentata del 56,9%
  • La copertura in fibra (FTTH) è aumentata del 53,5%
  • La copertura in fibra-radio (FWA) è aumentata del 17,1%

Il volume di questi dati è dovuto agli investimenti che sono stati fatti per cablare tutta Italia e portare la linea Internet  anche dove non arriva.

Continua il cablaggio delle regioni italiane

Dall’Europa arriva un investimento di 573 milioni di euro per l’Italia. Lo scopo è quello di portare la fibra ottica in circa 7000 comuni italiani entro fine 2020.

Questo piano di sviluppo riguarderà circa 12.5 milioni di abitanti, oltre ad 1 milione di aziende.

Dal 2014 al 2018 c’è stato un enorme calo delle linee con velocità inferiore a 10 Mbit/s: si è passati da una copertura del 75% nel 2014 a meno del 25% nel 2018.

Nello stesso periodo c’è stato un boom delle linee con velocità superiore a 30 Mbit/s, che passano dal 3,7% al 45,1%.

L’auspicio di quest’investimento è portare la connessione in fibra all’85% delle cosidette aree bianche. Le linee internet saranno molto più veloci, arriveranno ad almeno 100 Mb/s.

Tra gli operatori wholesale  impegnati nel cablaggio delle regioni italiane c’è anche Open Fiber. Con investimenti diretti ha predisposto il cablaggio di 271 città italiane con una rete in fibra ottica in modalità FTTH,l’unica in grado di raggiungere velocità di connessione fino a 1 Gigabit al secondo.

Grazie all’accordo stipulato tra Open Fiber e TWT, nostro fornitore, anche SEN, a partire dal 5 giugno avrà a disposizione i nuovi tagli di banda per attivare la nuova fibra ultraveloce.

Intanto, puoi consultare i tagli di banda già disponibili cliccando qui.

Dal 5 giugno potrai richiedere di verificare se nella tua zona è disponibile la nuova fibra ultraveloce di Open Fiber.