Siamo nel pieno della fase 2. Dal 3 giugno hanno riaperto anche le regioni. Le Aziende che sono state costrette a chiudere durante l’emergenza COVID-19 hanno potuto ricominciare a lavorare dopo aver adottato le misure adeguate per riprendere in sicurezza.

La regione Lombardia ha pubblicato il Bando “Safe Working – io riapro sicuro”  per sostenere le micro e piccole imprese lombarde obbligate alla chiusura.

Chi può beneficiare del Bando?

Possono beneficiare del Bando tutte le micro e piccole imprese aventi almeno una sede in Lombardia e operanti nei settori del commercio al dettaglio, dei pubblici esercizi (bar e ristoranti), dell’artigianato, del manifatturiero, dell’edilizia, dei servizi, dell’istruzione e dello sport.

Saranno invece ammissibili le imprese la cui attività era tra quelle consentite ma che hanno deciso di introdurre il lavoro agile (assolvendo gli obblighi previsti dall’art. 4 del d.p.c.m. 1 marzo 2020) per tutti i dipendenti.

A quanto ammonta l’agevolazione?

L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto, fino al 60% delle spese ammesse per le piccole imprese e fino al 70% per le micro imprese.

Il contributo è concesso nel limite massimo di 25.000 euro e l’investimento minimo è fissato in  2.000 euro.

Sono ammissibili spese sostenute a partire dal 22 marzo 2020.

Come si effettuano le domande?

Le domande di contributo dovranno essere presentate a Unioncamere Lombardia esclusivamente in modalità telematica attraverso il sito http://webtelemaco.infocamere.it

Le domande di contributo corredate dalla rendicontazione dovranno essere presentate entro e non oltre il 10 novembre 2020.

L’impresa presenterà richiesta di contributo dopo aver effettuato l’investimento e ultimato i lavori di installazione, allegando i relativi giustificativi di spesa quietanzati.

Ciascuna impresa potrà presentare una sola domanda.

Per qualsiasi altra informazione non esitate a contattarci.